La terra rispondeva con un ruggito fertile

Gli uomini civilizzati non sanno più cos’è la vera calma, e devono prendere lezioni di silenzio dal mondo selvaggio, prima che quel mondo li accetti. L’arte di muoversi con delicatezza, senza scatti improvvisi, è la prima arte del cacciatore (…). Chi sta cacciando non può fare a modo suo, deve vivere col vento, coi colori, con gli odori del paesaggio, adattarsi al ritmo dell’insieme che spesso lo costringe a ripetere più volte lo stesso gesto. (Karen Blixen, La mia Africa, 1937)

Via Noto 15, La terra rispondeva con un ruggito fertile. Sara Montani in dialogo con Karen Blixen.

Milano Connecting Studio, l’associazione che connette gli studi d’artista, apre alla città l’atelier di Sara Montani con l’open studio Via Noto 15, La terra rispondeva con un ruggito fertile, che si terrà il 29 e 30 settembre 2017 dalle 18.30 alle 22.30.

Ogni serata ospiterà due performances, la prima alle 19.00 e la seconda alle 21.00. Questo evento è una ripresa del percorso che Milano Connecting Studio sta portando avanti con lo studio di Sara Montani (seguirà un terzo appuntamento).

Se Via Noto 15, L’Ascolto della forma, la prima retrospettiva dedicata alla produzione dell’artista ha messo in luce l’azione dell’ascolto ricettivo di Sara Montani, Via Noto 15, La terra rispondeva con un ruggito fertile rivela la risposta che la stessa materia dà all’azione e alla creazione dell’artista presentando una serie di opere inedite scaturite dalla lettura delle memorie di Karen Blixen, autrice de La mia Africa. Come risponde la materia, se non attraverso l’imprevedibilità stessa della sensazione, dell’odore e del colore? Cosa c’è di più fertile se non il colore, che nella sua essenza, interroga?

Negli anni Duemila, Sara Montani si imbatte nel lavoro dell’autrice Karen Blixen. Con la lettura de La mia Africa comincia una ricerca e una riflessione sul proprio vissuto, in cui le due voci dialogano e si fanno eco.
Sara Montani instaura con La mia Africa un vero e proprio dialogo: sono le parole che riverberano di immagini e sensazione, è dentro la parola stessa che l’artista percepisce il suggerimento del colore.

Il colore è il protagonista dell’evento: le sensazioni e gli interrogativi stimolati dalle parole della Blixen si concretizzano in una incessante ricerca cromatica che veicola i ricordi e genera ulteriori domande.

Sara Montani in Dialogo con Karen Blixen. Performance a cura di Milano Connecting Studio.

Via Noto 15, La terra rispondeva con un ruggito fertile presenta un ciclo di opere inedite. La lettura de La mia Africa è stata un pretesto per avviare una sperimentazione e un’incessante ricerca cromatica. Le descrizioni degli ambienti, delle persone e le riflessioni elaborate dalla Blixen si traducono in colori, materia [Cfr: Nella piena luce del giorno (2005)] e via via l’Africa si immerge nell’esistenza dell’artista, divenendo essa stessa un simbolo del proprio agire [cfr. La mia Africa… come se l’intero bosco vibrasse leggermente (2005) e La mia Africa… la sera quando imbruniva (2005)].

L’Africa di Sara Montani non è il continente impenetrabile e bellissimo: non viene ritratta l’Africa e neanche rappresentato il lavoro della Blixen. La mia Africa è la cornice di una ricerca artistica, in cui emerge la coralità tra il colore, la parola e la materia.

L’evento Via Noto 15, La terra rispondeva con un ruggito fertile presenterà questo inedito ciclo di opere in concomitanza alla performance di Angelica De Rosa, Massimo Barberi e Gianluca Ricotta che leggeranno dei brani scelti: saranno le stesse parole della Blixen ad accompagnare lo sguardo attraverso le opere.
Un open studio diverso, per scoprire la poliedricità dell’artista ben conosciuta nel panorama cittadino per la sua attività artistica e didattica. Diverso ma fondamentale, perché è dalla parola che ha avuto inizio l’Africa di Sara Montani.